domenica 4 marzo 2012

Resoconto dell'Artroscopia

ginocchio sinistro bucato e tendine di Achille riparato
Nella testa del femore c'era un buco, il cratere che non sapevo di avere aperto con la caduta alla Mezza dei 6 Comuni (vd. post 25/11/2011) ... si sarebbe riparato da solo? Poi c'erano pezzi di cartilagine in giro per l'articolazione ... chi li avrebbe riassorbiti? Ecco le immagini che ho visto sul monitor, vissute come un sogno fra sedazione pre operatoria e anestesia vera e propria - il mio breve volo nella tana del Bianconiglio. Alla fine si soffre meno che in un intervento del dentista, ma l'artroscopia è un po' più complessa. Si comincia col prendere appuntamento, poi si incontrano tante persone per l'anagrafica e l'anamnesi complete, elettrocardiogramma, analisi sangue/urine, presentazione RX/RMN ... un paio di ore passano in fretta, giusto il tempo per sistemarsi e attendere il proprio turno. I miei compagni di stanza escono per primo e secondo dalla sala operatoria, entrambi a ripetere le revisioni dei menischi, e mi è di conforto vederli soddisfatti, vispi e pronti ad alzarsi dal letto, se non fossero fermati dalle infermiere. C'è da smaltire la sbornia anestetica e c'è rischio di nausea. Quindi, da bravi pazienti, seguono i consigli e si assopiscono. Non ho problemi a seguirli, perché mi sono alzato molto presto al mattino per il day surgery e la penombra della stanza concilia molto. Inoltre più si pensa, più ci si agita: ormai sono sui binari che mi portano sotto i ferri. Svanisce ogni paura quando si fa ciò che si deve fare.

il ginocchio sinistro come un pallone! i tre portali di accesso ben evidenziati dal disinfettante (04/03)

Così parla il registro operatorio, per chi apprezza il linguaggio tecnico (avrei preferito non impararlo!)
# portali: sm, al, am
si evidenzia: distacco condrale con esposizione ossea al cfm (= condilo femorale mediale) in zona di carico con area di condrosi circostante di 2-3°, condrosi 2° rotula, numerosi frammenti cartilaginei liberi
si esegue: condroabrasione cfm con strumento motorizzato e a radiofrequenze, microfratture alla Steadman cfm, condroabrasione rotula, lavaggio abbondante, sutura

articolazione del ginocchio destro (vd. link )
evidenziate le proiezioni e l'area di sofferenza
Capito qualcosa? Sono stati aperti tre buchi per inserire una sonda visiva, un aspiratore e uno strumento trivellatore. È stata ripulita l'area danneggiata, incisa la superficie dell'osso (per migliorare l'aggancio e la ricrescita della cartilagine) e sono stati aspirati i frammenti sparsi ovunque. Dolore? Poco durante l'operazione, poco nelle ore successive, prendendo solo gli antidolorifici di prassi durante il ricovero. La scarsa mobilità dell'articolazione sembra dovuta più al gonfiore che ad altro. Metto ghiaccio più volte al giorno e mi sparo in pancia la quotidiana iniezione di anticoagulante.

Mi sovviene una battuta di Alberto SORDI: "che ci possiamo fare Santo Padre, forse pregare?". Sì, pregare che si riformi in fretta la cartilagine - e sarà un processo lungo molte settimane! - sperando che sia robusta e resistente. Mi aspetta una "RMN di controllo fra 3-4 mesi e un eventuale successivo trapianto di condrociti autologhi se persistenza di disturbi dolorosi" (altra parte del documento di dimissione dall'ospedale). Mi auguro che la mia cartilagine sappia fare da sé! Perché non ho voglia di farmi riaprire di nuovo il ginocchio. Ah! Stavo dimenticando due note positive: menisco OK, nemmeno toccato; analisi del sangue OK (= RBC 4,96 - HGB 16,1 - HCT 47,0 ...), migliorative rispetto alle medie degli ultimi anni (vd. post 13/02/2011). Grazie all'indesiderato riposo.

Chiudo il post ancora con i Pink Floyd, come chiusero loro il concerto a Venezia 1989: Run Like Hell, citato nel finale del post 28/12/2011. È uno splendido augurio per tornare a correre a più non posso, come un matto ... a perdifiato, come ha già scritto qualcuno.


Ecco la versione originale dal film The Wall, sicuramente digitalizzato meglio del segnale televisivo (vd. testo @azlyrics).

14 commenti:

Albe che corre ha detto...

Auguri di pronta e sana guarigione..

Enrico VIVIAN ha detto...

grazie del pensiero e di due aggettivi molto appropriati

Gianmarco Pitteri ha detto...

Recupera con calma, meglio così piuttosto che trascinarsi magari per mesi tra dolore e stop vari...

Anonimo ha detto...

Splendido (intendo dati, linguaggio, dettagli, immagini)... noi biologi siamo sempre affascinati da queste cose... belle belle belle.
A te invece ogni bene per il futuro. Siro

Enrico VIVIAN ha detto...

@Gianmarco: grazie del supporto! se avessi continuato a trascinarmi avrei cominciato a mangiarmi la testa del femore o la corrispondente cartilagine del piatto tibiale o il menisco mediale o ... chissà cos'altro!

@Siro: grazie del commento! ho cercato di scrivere in modo tale che ciascuno potesse trovare la parte di informazione più consona al proprio linguaggio ... non mi è così facile!

Andreadicorsa ha detto...

Ci siamo già detti tutto per telefono! Sei vaccinato a ste cose, quindi passerà in fretta e tornerai come prima, magari meglio:-)
I miei migliori e amichevoli auguri!

Enrico VIVIAN ha detto...

grazie, fratello! ci faremo compagnia nella piena riabilitazione!

AndreaF. ha detto...

Auguri per un veloce velocissimo recupero!Ti auguro potrai venirmi a trovare quanto prima di corsa se passi per ValleSF.Ci si può vedere anche prima!!!

Enrico VIVIAN ha detto...

in bici passo a Valle San Floriano anche fra pochi giorni! di corsa mi tocca aspettare il caldo!

grinta ha detto...

soluzione alla radice, ben fatto e chissà sia stata una pulizia profonda e definitiva
intanto così la caviglia si riposa!!!

Anonimo ha detto...

Hai superato tante difficolta' nella tua carriera....supererai anche questa! Dai Campione! Luca M.

Enrico VIVIAN ha detto...

@grinta: grazie del sostegno! a posteriori sono convinto di aver fatto la cosa giusta: ora tocca alla cartilagine riformarsi robusta! le concederò il tempo necessario

spero con l'occasione di dare una raddrizzata completa all'arto, fino alla caviglia!

@Luca: grazie! spero di avere altre storie da raccontare

Tosto ha detto...

Auguri Enrico tornerai più forte di prima :)

Enrico VIVIAN ha detto...

grazie, fratello! questa discontinuità non è amica delle performance ... aggiungo disgrazie agli anni che avanzano

per tornare più forte di prima dovrò essere mooooooolto più bravo di prima!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...